Immagini dal Web

genovabrignole.jpg

Chi è on-line

 25 visitatori online
 
Homepage inOrario
Resoconto incontro con Trenord e Regione Lombardia del 28/6/2017
Scritto da Matteo Casoni   
Mercoledì 28 Giugno 2017 22:03

Si è svolto nel pomeriggio di Mercoledì 28 Giugno l'incontro tra i rappresentati dei pendolari della linea Mantova - Cremona - Milano, Trenord (rappresentata da Paolo Garavaglia, Direttore Comunicazione) e Regione Lombardia (rappresentata da Elena Foresti, Dirigente Direzione Trasporti), a seguito dei disguidi avvenuti al materiale rotabile dopo l'introduzione del nuovo orario.

Ultimo aggiornamento Giovedì 29 Giugno 2017 11:06
Leggi tutto...
 
DISSERVIZI CONTINUI, CHIEDIAMO UN TAVOLO DI CONFRONTO CON REGIONE E TRENORD A MANTOVA o CREMONA
Scritto da Matteo Casoni   
Venerdì 21 Agosto 2015 11:23

I continui disservizi che si stanno verificando sulla linea ferroviaria Milano-Cremona-Mantova impone agli scriventi di dimostrare il proprio dissenso ad ogni forma di conciliazione.

Il 19 agosto è stata la volta di Marcaria dove i viaggiatori sono rimasti bloccati nella stazione per circa due ore in attesa che un bus li venisse a prelevare e portare a destinazione, per poi completare ( si spera ) la settimana con il disservizio del 20 agosto quando la stazione Centrale di Milano è andata in tilt per un guasto ad un treno “ di altra impresa ferroviaria “ ed i pendolari sono stati costretti a raggiungere in metropolitana o con altri treni la stazione di Lambrate per poter prendere un treno diretto a Mantova, anche qui non sono mancati i ritardi oltre 40 minuti per il 33461 partito da Centrale alle 18:20.

E’ venuto il tempo di confrontarci seriamente con Regione, Trenord ed enti locali, però non nelle riunioni “ammucchiate” che la Regione è abituata a fare, ma bensì un tavolo a noi riservato da tenersi a Mantova o Cremona – non siamo disponibili ad andare a Milano poiché sono loro che devono raggiungersi essendo nel massimo torto -.

Se questi disservizi dovessero proseguire sia UTP che INORARIO si riservano di inviare un esposto alla Procura della Repubblica per interruzione di Pubblico servizio.

 

U.T.P. Andrea Bertolini -  INORARIO Matteo Casoni

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Agosto 2015 11:25
 
Cremona 10 Luglio: 1944 - 2015
Scritto da Matteo Casoni   
Mercoledì 08 Luglio 2015 07:56

Commemorazione delle vittime del bombardamento del 10 luglio 1944

Cerimonia rinnovata rispetto al passato per condividere nei luoghi della tragedia i valori della pace

Leggi tutto...
 
Solidarietà con i ferrovieri, ma non siamo criminali!
Scritto da Administrator   
Lunedì 15 Giugno 2015 13:27

Il comitato InOrario vuole esprimere la propria vicinanza al ferroviere vittima del vigliacco attacco subito nei giorni scorsi ed a tutti i suoi colleghi che, spesso, si trovano a pagare per colpe non direttamente a loro ascrivibili, ma, nel contempo, non accetta di veder dipinta la linea Mantova - Milano come la più pericolosa delle linee lombarde.

Dagli ultimi incontri avuti con Trenord, la Mantova - Milano è risultata tra quelle con la minor percentuale di evasione, grazie anche alla luna percorrenza che ha, che permette al personale viaggiante più possibilità di controllo. Che poi spesso lo stesso personale non possa espletare il proprio compito (le ultime statistiche parlano di meno del 20% di controlleria effettuata) a causa di problemi tecnici che costringono gli stessi a viaggiare in cabina con il macchinista, questo è un altro discorso.
Parlando con molti ferrovieri, alcuni dei quali ormai diventati amici, è emerso che per loro la 'Mantova' è da considerarsi un paradiso relativamente alla sicurezza.
Se poi si vogliono incolpare i circa 10.000 viaggiatori/giorno per i comportamenti di 5 / 10 persone che viaggiano senza il titolo di viaggio, questo è un vile ed ingiustificato tentativo di denigrazione gratuita.
Siamo da anni in contatto con Digos e Carabinieri, con i quali ci scambiamo informazioni nei momenti 'critici'. Il fatto che da mesi questo non avvenga, noi lo interpretiamo come un segnale di assoluta tranquillità.
Pensiamo che, invece di attaccare ingiustificatamente i pendolari, sia ora di mettere mano alla situazione dei guasti, che ormai stanno tornando a presentarsi con frequenza giornaliera, a meno che con questo non si voglia costruire, appositamente, una cortina di fumo che nasconda una situazione di difficile gestione, ma non dal punto di vista della sicurezza!

 
26/05/2015: Lo sport di oggi? Come ingannare i ritardi!
Scritto da Matteo Casoni   
Martedì 26 Maggio 2015 07:31

Prendete 3 treni, che viaggiano da Mantova a Milano a 40 minuti di distanza uno dall'altro.

Prendete un gusto che interrompa la circolazione tra Torre Picenardi e Gazzo per circa 1 ora.

Risultato? Tutti e 3 i treni viaggiano con ritardo medio di 1 ora....

E INVECE NO!!!!!!!!!

Nell'era dell'elettronica, si può fare di meglio!!!!

E' sì! Basta invertire il numero al treno, dare il numero 33448 al primo che riuscirà a partire in modo che arrivi a Milano con un ritardo molto contenuto (era impossibile dargli in 33450 perché sarebbe arrivato in anticipo....) e poi dare il 33446 al secondo, che tanto 1 ora l'ha già, se anche diventano 90 minuti... chi se ne frega?

Ecco! La modernizzazione aguzza l'ingegno e... INGANNA LE STATISTICHE!

Grazie Trenord per questo splendido esempio di "Puntualità Creativa!"

(Il frutto delle mie elucubrazioni mentali. è il risultato di quanto "appreso" da Viaggiatreno, applicazione ufficiale di Trenord. Tutti i riferimenti a fatti, cose, situazioni a fatti reali.... è puramente frutto della mia fervida immaginazione)

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 07:37
 
«InizioPrec.123456Succ.Fine»

Pagina 1 di 6