Immagini dal Web

trenitalia.jpg

Chi è on-line

 46 visitatori online
 
Homepage inOrario
16/02/2012: Servizio sul TG1
Scritto da Matteo Casoni   
Domenica 19 Febbraio 2012 16:04

 

Ecco di seguito il video che è stato trasmesso al TG1 relativo alla situazione della nostra linea:

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Febbraio 2012 13:46
Leggi tutto...
 
16/02/2012: Fac simile compilazione modello richiesta rimborso
Scritto da Matteo Casoni   
Giovedì 16 Febbraio 2012 16:53
 

Di seguito potete trovare due Fac Simile per la compilazione dei modelli di richiesta di rimborso (vedi articolo) con in dettaglio i dati per IOVIAGGIO e per la CARTA REGIONALE DEI SERVIZI.

Cordiali saluti.

Fac Simile 1
Fac Simile 2

 
Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Febbraio 2012 12:11
 
16/02/2012: Resoconto Tavolo Territoriale Quadrante Sud Lombardia del 14 Febbraio 2012
Scritto da Matteo Casoni   
Giovedì 16 Febbraio 2012 16:42
 

Questo incontro, per la nostra linea, è stato abbastanza soddisfacente. I dirigenti Trenord hanno iniziato l’incontro parlando subito della direttrice Mantova - Cremona - Milano, reputando questa linea quella con le maggiori criticità, soprattutto sul materiale rotabile.

Partendo subito da questo, tutti i VivAlto e i media distanza presenti attualmente sulla linea gradualmente verranno dismessi a favore dei nuovi MeDì, treni media distanza completamente restaurati da Trenord. Le composizioni saranno da 8 carrozze con locomotore 464, lo stesso già usato oggi sulla linea, ritenuto affidabile.
Le nuove carrozze hanno subito un rifoderamento in ecopelle dei sedili, una riverniciatura interna ed esterna e una revisione dei finestrini, dell’impianto di condizionamento e delle porte. Ci siamo anche accertati che, tra le modifiche, ce ne fossero anche per evitare futuri disagi in condizioni di gelo e neve.

Il primo convoglio con carrozze MeDì sarà operativo sulla nostra linea dal 19 Marzo. A seguire, ogni 15 giorni verrà introdotto un nuovo convoglio fino alla completa sostituzione del materiale rotabile. Le altre date di introduzione nuovo materiale:

  • 2 Aprile
  • 16 Aprile
  • 30 Aprile
  • 14 Maggio

Per quanto riguarda il locomotore, è stato siglato un accordo con Bombardier, l’impresa che realizza i locomotori 464, per una completa manutenzione dei mezzi. Questo significa che la manutenzione dei locomotori sarà a carico di chi li costruisce.

Inoltre, dal 20 Febbraio, sui nostri treni sarà introdotto in via sperimentale il pulitore viaggiante.

Dal punto di vista organizzativo, con la nostra linea partirà un progetto pilota con l’introduzione dell’organizzazione per direttrice. Questo significa che avremo treni dedicati unicamente alla nostra linea, un responsabile di linea, personale viaggiante domiciliato nelle zone vicino alla nostra direttrice e manutenzione dedicata.

Tra i vari problemi, abbiamo anche fatto presente il servizio scadente dei collegamenti link tra le stazioni di Cremona e Piadena, con i forti disagi per i passeggeri di Villetta Malagnino, Gazzo/Pieve S. Giacomo e Torre de’ Picenardi. Trenord e RFI ci hanno assicurato che seguiranno con più attenzione la situazione e cercheranno di garantire il servizio anche in caso di forti ritardi dei treni diretti.

Firmato per UTP e InOrario (in ordine alfabetico)

Andrea Bertolini (UTP) / Matteo Casoni (InOrario)
Paolo Ferretti (UTP) / Max Gabbiani (InOrario) / Massimiliano Monteverdi (UTP)

 
Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Febbraio 2012 12:16
 
15/02/2012: Chiarimento in merito alla richiesta rimborsi
Scritto da Matteo Casoni   
Mercoledì 15 Febbraio 2012 14:46
 

Con la presente, vorrei pubblicamente scusarmi con l’associazione UTP nelle persone di Paolo Ferretti e Andrea Bertolini se, nei messaggi di ieri relativi alla richiesta di raccolta dei moduli per le richieste di rimborso ho tralasciato la nostra completa e attiva collaborazione con la loro associazione anche per questa iniziativa.

Solo per mero errore dettato dalla concitazione degli eventi e dalla volontà di diffondere a tutti la proposta avanzata dai due legali-pendolari, non ho indicato che il tutto è fatto in loro collaborazione, come pure è frutto di questa nostra collaborazione tutto quanto si è riuscito ad ottenere nella riunione di ieri sera in Regione Lombardia.

Entrambe le associazioni sono consapevoli che non si è ancora risolta in toto la situazione della linea, ma siamo entrambi convinti (o quantomeno lo speriamo ardentemente) che si sia iniziata una strada che possa portare a risultati proficui per tutti i pendolari della linea, e che solo unendo i nostri sforzi si possa cercare di migliorare, seppur piano piano, le condizioni di viaggio delle persone, riportandole a standard che potremmo definire da paese civile.

Cordiali saluti.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Matteo Casoni
Comitato Pendolari inOrario
Linea Milano – Cremona – Mantova

 
Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Febbraio 2012 12:13
 
14/02/2012: Lettera di due pendolari
Scritto da Matteo Casoni   
Martedì 14 Febbraio 2012 11:47
 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa mail che ci è stata inviata da due "colleghe" pendolari:


Sulla linea Mantova-Milano, a seguito dei disagi che si susseguono da mesi e solo aggravati dal freddo delle ultime settimane, il 9 febbraio e' stato indetto dai comitati dei pendolari lo "sciopero del biglietto".
Sciopero che consiste non nel viaggiare gratis, ma nel rifiutarsi di mostrare l'abbonamento quando richiesto dal personale viaggiante.
Questo abbonamento noi pendolari l'abbiamo tutti: lo sciopero e' stato indetto a meta' mese e gia' questo di per se' chiarisce come lo scopo non sia quello di approfittarsene.
L'abbonamento l'abbiamo tutti dal primo del mese, senza contare che molti di noi hanno abbonamenti annuali. Dunque, lo sciopero e' stato indetto come protesta civile, con lo scopo di trasmettere attraverso il nostro piu' diretto interlocutore, il personale viaggiante, il disagio che tutti i giorni subiamo tra ritardi, soppressioni, viaggi in piedi, quasi sempre al freddo, spesso senza nemmeno i servizi essenziali funzionanti.
Perche' il personale viaggiante e' il nostro unico interlocutore. A fronte del dovere di pagare il (dis)servizio che utilizziamo, e dunque di mostrare i nostri abbonamenti, pensiamo di avere anche il diritto di essere informati dal personale sui ritardi e sui guasti.
Di poter chiedere al personale della linea informazioni sulle coincidenze per arrivare al lavoro o tornare a casa, o su cosa fare avendo perso un treno, magari uno dei tanti a prenotazione obbligatoria, a causa del ritardo.
Ma di questo diritto ci sentiamo ormai defraudati, perche' gli uffici di Trenord sono presenti solo in alcune stazioni ma non in tutte e perche' spesso il personale viaggiante e' impreparato, o indifferente, molto piu' spesso semplicemente assente.
Ma non lo e' stato ieri, 13 febbraio, primo giorno vero di sciopero del biglietto: ben due addetti si sono premurati di chiederci i nostri abbonamenti! Due addetti in contemporanea nel vagone.
Bene, e' loro diritto, anzi dovere. Ma perche' erano accompagnati da una scorta in borghese, forse Digos, Polfer, chissa'? Siamo forse criminali o sovversivi? Ci sono statistiche che attestino che noi della Mantova-Milano viaggiamo abitualmente senza pagare?
Stavano solo facendo il loro lavoro, hanno detto in risposta alle nostre veementi, ma civili, proteste. E' giusto, e' il loro lavoro. Noi chiediamo solo che loro e tutta Trenord facciano il loro lavoro ogni giorno, quando viaggiamo stipati in poche carrozze, in ritardo di qualche ora, oppure attendiamo sui binari di una stazione treni soppressi senza che ne veniamo informati.
Chiediamo loro che lavorino per risolvere problemi ormai annosi, per darci puntualmente le informazioni che ci servono. E chiediamo anche di ascoltare le nostre lamentele, si'. Perche' abbiamo il diritto di lamentarci per un servizio che paghiamo ma non funziona.
Come ci lamentiamo con l'ortolano se la verdura che abbiamo comprato a caro prezzo e' marcia. Con la differenza che domani possiamo decidere di rivolgerci ad un altro ortolano, mentre certamente il treno che prenderemo sara' ancora uguale a quello di oggi.

Dott. Antonella Bodini, Dott. Sara Pasquali
Consiglio Nazionale delle Ricerche, Milano.

 

 
Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Febbraio 2012 12:16
 
«InizioPrec.123456Succ.Fine»

Pagina 5 di 6